giovedì 27 febbraio 2014

RITMO NARRATIVO


Un breve post sul ritmo narrativo.
Già ne avevo parlato nell'articolo Il ritmo in una storia.
In linea di massima, nella lettura di un romanzo o di narrativa in generale, possiamo utilizzare vari ritmi che vanno dalla grande lentezza alla concitazione (ritmo rapidissimo).
A seconda delle sequenze narrative, in uno stesso romanzo possiamo trovare anche tutte le sfumature di ritmo che stanno tra i due estremi citati, e questo a seconda dell'effetto voluto.
In un ritmo lento potremmo percepire assenza di fretta, noia e altro sentire che è caratterizzato a volte da pesantezza e forse anche da immobilità, al limite.
In un ritmo concitato avvertiamo invece l'urgenza, la fretta, e possiamo adattarlo al nostro scritto a seconda se vogliamo risvegliare paura, fino al terrore, o altra urgenza, come quando stiamo per perdere l'aereo o per mancare a un appuntamento importante o addirittura vitale.

Quali sono le tecniche da adottare per attivare nel lettore due modi di sentire tanto diversi? 
La cosa non è così semplice, tuttavia aiuta sapere che...

Per ottenere un effetto di rapidità le frasi dovrebbero essere:
  • brevi e scarne, appunto rapide e in un certo modo definitive, lapidarie;
  • indipendenti oppure legate ad altre frasi altrettanto corte e veloci con semplici congiunzioni o virgole;
  • caratterizzate da verbi e immagini che indicano rapidità: così possiamo dare il senso della velocità, dell'urgenza, della fretta, della concitazione, dell'affanno, ecc.

Per ottenere un effetto di lentezza le frasi dovrebbero essere:
  • complesse e articolate;
  • con dipendenti;
  • con punteggiatura anch'essa più articolata.
  • con verbi e, in generale, immagini che si associano e sono in relazione con la lentezza, la calma, l'immobilità, e simili concetti-caratteristiche: tutto questo aiuta a creare il ritmo pacato che ci interessa.


Quali tecniche usate voi per evidenziare un particolare ritmo nelle vostre narrazioni?


4 commenti:

  1. Vengo da lontano e vengo in pace!
    A parte le battute. Sono arrivato da te per apprendere ce magari per aggiugere.
    E in questo caso, non ho nulla da evidenziare.
    Ciao

    RispondiElimina
  2. La battuta va benissimo, non c'è problema, ci mancherebbe! Se poi vieni in pace va anche meglio! Benvenuto nel blog. Spero che ti sia utile leggere i miei post...

    RispondiElimina